fisico perfetto

Nella narrazione dei media, soprattutto di alcuni social come instagram, sembra che il fisico perfetto sia il mezzo tramite il quale ottenere successo e felicità e quindi una vita perfetta.

FISICO PERFETTO E AESTHETICS LIFESTYLE 

E' tutto bello e figo come mostrano gli influencer su Instagram?

Discorso molto delicato ed importante, citato anche da Eric Helms ed Omar Isuf in un video  in tema BodyBuilding competitivo e salute.

Su internet ed in particolare Instagram e Youtube, c'è da anni una certa narrazione dell'Aesthetics Lifestyle ovvero di quello stile di vita ed immaginario collegato al fatto di avere un certo tipo di fisico molto bello da vedere, un fisico perfetto.

La solita correlazione che viene spinta è quello che una volta raggiunto un fisico bello, super definito con addome squartato, bicipiti gonfi, petto imponente, seguiranno automaticamente felicità, successo, apprezzamento da parte del prossimo, super appeal sessuale ed in generale una vita grandiosa.

Gli influencer postano in continuazione foto in cui mostrano il loro fisico super tirato, in situazioni che lo collegano al successo ed alla felicità : sorridenti in piscina circondati da belle donne, amici, party e soldi, con auto sportive, in modo da mandare inconsciamente il messaggio che fisico = successo e felicità.

E' davvero così ?

Quasi sempre... no.

E' una narrazione portante del settore Fitness, ma come quasi tutto in questo mondo è una dolce bugia impacchettata ad hoc per vendere.

Questa narrazione può essere vera solo in un caso : quello in cui un soggetto riesca ad ottenere un determinato fisico senza grossa fatica poichè ha una predisposizione genetica incredibile, quindi non deve seguire alimentazione curatissime e spesso restrittive e soprattutto ami allenarsi.

Negli altri casi, in cui per raggiungere una certa condizione si deve combattere contro la propria fisiologia, set point, con diete restrittive, allenamenti intensivi etc... spesso la migliore condizione estetica corrisponde a quella peggiore in termini di qualità della vita.

GENETICA MUSCOLI ALLENAMENTO : QUANTO I GENI INFLUENZANO I RISULTATI ?

La percentuale di grasso molto bassa, porta varie conseguenze tra cui sbalzi d'umore, aumento di sintomi depressivi ed ansiosi se uno è predisposto, scarse energie e sonno, calo della libido etc.

Inoltre per raggiungere una condizione incredibile, va profuso un impegno in allenamento e dieta enorme, che possono influenzare molto la vita sociale limitando le uscite conviviali, la voglia. il tempo e le energie per dedicarsi ad altre attività.

Il calo della libido può influenzare pesantemente il desiderio e le prestazioni a letto.

Ovviamente, ci sono varie sfumature non è tutto bianco o nero, ogni persona a seconda di mille cose (genetica, età, stile di vita, stress, lavoro etc etc) può subire più o meno marcatamente gli effetti di una condizione estrema e avere più o meno difficoltà a raggiungerla, passando da chi lo fa quasi senza problemi a chi letteralmente deve dedicarci la vita perchè poco predisposto.

La cosa ironica è l'antitesi, il contrasto tra la narrazione e la realtà.

Per il soggetto medio normodotato da un lato ci si aspetta che ad un super fisico perfetto seguano potenza e successo sessuale, produttività, energie, salute e felicità...

la realtà invece parla di poco desiderio e prestazioni, maggiore cagionevolezza, scarse energie, e scarso focus mentale e voglia nel fare le cose.

Potete approfondire tutto ciò con i seguenti articoli :

SET POINT E SETTLING POINT GRASSO : DOMANDE FREQUENTI E RIFLESSIONI

SALUTE PSICOLOGICA NEL BODYBUILDING – SINTESI NARRATIVA – PUNTI CHIAVE E CONSIDERAZIONI

TESTOSTERONE BASSO – NATURAL BODYBUILDING – CONDIZIONI ESTREME – SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA

Igiene Social e messaggi subconsci

"L'igiene " social è importante, soprattutto su Instagram.
 
Ancora di più per chi ha un'autostima fragile.
 
Se siete dei natural normodotati non seguite profili di atleti superdotati e magari anche dopati che non hanno alcun contenuto se non ostentare il proprio fisico perfetto, se poi dovete costantemente fare paragoni con voi stessi, sballare la vostra concezione di fisico medio, e covare invidia e frustrazione per la vostra condizione .
 
Se siete non-bodybuilder che si allenano per passione e mangiano bene ma senza dedicare all'estetica più di un certo impegno... Non seguite profili di chi ha fatto della propria immagine corporea la propria missione di vita se poi allo stesso modo vi trovate a fare costanti paragoni che generano insofferenza e frustrazione.
 
Apriamo Instagram centinaia di volte al giorno ormai.. Anche se proviamo ad essere consapevoli e contestualizzare quello che vediamo ci influenza subconsciamente.
 
Se non si fa altro che esporsi a messaggi che generano malessere, invidia, frustrazione senza accorgersene si autosabota la propria felicità e salute psicofisica.
 
Purtroppo molto spesso i soggetti più fragili psicologicamente che avrebbero bisogno di curare di più l'igiene dei propri social sono proprio quelli che lo fanno meno invischiati in una specie di sindrome di Stoccolma digitale.

Perchè è importante capire ciò ?

Non per criticare il bodybuilding, non per scoraggiare le persone... tutti gli sport portati ad alto livello richiedo sacrifici, compromessi, fatica e rinunce... ma per chi è appassionato vale eccome la pena.

E' importate far capire tutto ciò a quelli che non sono in realtà appassionati di bodybuilding competitivo ma che vogliono ottenere un certo fisico solo perchè credono che dopo seguiranno altre cose, magari alimentati da scarsa autostima o altre difficoltà caratteriali e sociali e credono che il fisico sia la cura per tutto... solo per poi ritrovarsi peggio quando lo ottengono e capiscono che non è così come ci raccontano, anzi.

Queste persone sono la maggioranza di chi si allena, di chi compra iscrizioni in palestra, lezioni da personal trainer, integratori etc.

Alimentare questa grande bugia che un fisico perfetto equivalga a felicità, successo, qualità della vita serve a spingere queste persone ad essere perennemente insoddisfatta e consumare ed acquistare sempre di più.

Ad oggi il tutto è ancora più enfatizzato dai social media, ed in particolare Instagram che si è dimostrato il social più deleterio per la salute mentale delle persone, permettendo di mostrare una vita falsa e costruita ad hoc che in realtà non esiste e invadendo tramite le storie la vita delle persone in ogni attimo ricordandogli che non sono abbastanza e che saranno felici quando avranno raggiunto un determinato fisico, prestazioni, risultati etc.

Bisognerebbe avere l'onestà intellettuale di non markettare qualcosa per quello che non è.

Possiamo vedere il fitness e la cultura fisica come una curva gaussiana

Essere sedentari, grassi e fuori forma ha un effetto super negativo sulla qualità della vita.

Essere in forma, mangiare bene, allenarsi regolarmente ed avere una percentuale di grasso ideale per la salute massimizza la qualità della vita.

Avere una composizione corporea estrema, con una percentuale di grasso bassissima, allenarsi sempre al limite ed anche oltre... ha un effetto altrettanto super negativo sulla qualità della vita e sulla salute.

Al di fuori dell'ambito competitivo chi cerca salute, benessere, felicità e qualità della vita farà bene a seguire il detto : la virtù è nel mezzo.

E fare una bella scrematura e cernita dei profili da seguire sui social, ed in particolare Instagram, valorizzando quelli che apportano contenuti di qualità, messaggi positivi che gli portano benefici, ed ignorare quelli che portano solo messaggi negativi, zero contenuti, solo modelli falsati, termini di paragone inarrivabili e emozioni negative come invidia, frustrazione, rancore, senso di inadeguatezza.

Leggi anche

FISICO ADDOMINALI FELICITÀ : MODELLI IMPOSSIBILI NELL’EPOCA SOCIAL MEDIA

AUTOSTIMA ALLO SPECCHIO : NON CERCARLA (SOLO) IN PALESTRA