Trasformazioni

domenico aversano

In questa pagina raccoglierò le trasformazioni di persone comuni che partivano da una condizione di grande svantaggio - forte sovrappeso o forte magrezza - a scopo conoscitivo e motivazionale.

Alcune saranno più drastiche di persone che si allenano da molti anni, altre ancora da sviluppare di persone che avvio avviato il percorso solo da qualche anno.

La pagina è in continuo aggiornamento, se hai una trasformazione particolare e vuoi partecipare a questa raccolta contattami sulla pagina Facebook del blog!

 

 

 

Molto spesso quando si vede una persona con un ottimo fisico, si tende a ragionare solo sul presente e mai sul percorso compiuto. E' facile dire a qualcuno - senza conoscerne il percorso ed il punto di partenza - che presenta un ottimo fisico che è fortunato geneticamente. Oppure ad uno che presenta un fisico mediocre che non si impegna abbastanza, che dovrebbe allenarsi di più o impegnarsi di più con la dieta.

Ma in realtà, il risultato finale è relativo. E' soggetto a tantissime cose : genetica, possibilità, conoscenze, disponibilità economiche e temporali...

In valore assoluto,  la costruzione di un corpo  potrebbe aver impiegato molto meno impegno,fatica e costanza rispetto ad un altro oggettivamente di livello inferiore.

Il risultato finale perciò è relativo. E soprattutto non si può sapere quali potenzialità si hanno finchè non si inizia a lavorarci su. Tantissimi ragazzi inizialmente magrissimi in realtà potrebbero avere una predisposizione alla crescita muscolare una volta stimolata sorprendente! (Basti pensare che uno dei fattori più importanti, la disponibilità di cellule satelliti, per la crescita muscolare non può essere vista dall'esterno)

E nel culturismo  non ci si deve concentrare su un determinato risultato da raggiungere, perchè non ci può essere un risultato univoco adatto e perseguibile da tutti a prescindere, ma sul percorso. Ognuno deve puntare a diventare la versione migliore di SE STESSO.

Con il termine Culturismo intendo proprio l'accezione più pura del termine : coltivazione del proprio corpo e della propria mente da tutti i punti di vista, nel tentativo di raggiungere il proprio massimo potenziale di forza, bellezza,funzionalità,salute, intelligenza, conoscenza,felicità.

In questa pagina non parliamo di Body Building, di gare, di canoni da rispettare in base ai quali poi venire giudicati da dei giudici per ottenere una valutazione.

Parliamo di coltivare se stessi. Di adoperarsi per migliorare costantemente, giorno dopo giorno.

E credo che non ci sia manifesto migliore di tutto ciò, di trasformazioni di persone comuni che partivano da una condizione di forte svantaggio, per la quale IL PERCORSO è risultato estremamente significativo, lungo ma poi appagante e motivo d'orgoglio a prescindere dal valore assoluto del risultato finale. Con l'augurio di essere felici e soddisfatti del proprio percorso, ma mai totalmente appagati e quindi volenterosi di continuare a lavorare per migliorarsi giorno per giorno.

Concludo qui questa breve introduzione e lascio spazio alle foto, con la speranza e l'augurio che queste trasformazioni siano motivo d'orgoglio, speranza e motivazione per tutte le persone che vogliono intraprendere un percorso di cambiamento, di miglioramento personale, che ne hanno voglia e ne sentono la necessità... ma sono insicure ed hanno paura di non farcela. Iniziate a lavorare su voi stessi, tutto quello che verrà sarà tutto guadagnato. E godetevi ogni singolo attimo del vostro personale percorso.

 

Domenico Aversano (Autore del Blog)

La prima trasformazione che metto è proprio la mia. Da piccolissimo ero normopeso ed ho fatto per anni prima nuoto e poi basket, poi però verso gli 8 anni sono iniziato ad ingrassare per poi, anche a causa di un anno senza sport, diventare fortemente sovrappeso fino ai 13-14 anni quando ho iniziato ad allenarmi in palestra. Dopo anni ed anni di fatica, impegno, passione e costanza passando per tutti gli errori possibili che ci si possono commettere, dal fare la fame per dimagrire al mangiare come dannati in massa, dal cercare l'esercizio magico al ragionare per assolutismi, dall'allenarsi tantissimo all'allenarsi pochissimo... sono riuscito ad ottenere dei risultati discreti, purtroppo poi a partire dal 2014 ho iniziato ad avere vari guai fisici che mi hanno limitato molto negli allenamenti ed ancora mi limitano in parte. Ma sono motivo a guarire e riprendere con l'impegno e la passione di sempre per sviluppare il mio massimo potenziale.

domenico aversano

 

Matteo Staglianò

Da 118kg il picco massimo , sono arrivato a pesarne 47,5.
Ho deciso di perdere peso per dimostrare a me stesso e agli altri quello che ero.in.grado di fare, come risposta a tutte le frecciatine che ricevevo o come risposta ai disagi che provavo, solo che da un eccesso sono poi caduto.in anoressia rischiando quasi di fare danni.irreparabili
Il culturismo , la palestra e lo sport in generale mi hanno salvato la vita, sono la mia quotidianità, una grande passione e da poco anche un lavoro.
 

Matteo Ardenghi

Mi chiamo Matteo ho 17 anni ,mi alleno da 3 anni
Ho iniziato a fare palestra a 15 anni dopo 2 anni di rugby
Questa è stata la mia Piccola trasformazione.

Eugenio Mirabella

Estate 2012, come dimostrano le prime 3 foto, raggiunsi il peso di 120kg x 1.83m: le cause non erano genetiche, fino a 12 anni sono stato abbastanza magro, semplicemente mangiavo senza ritegno cercando di autoconvincermi che non me ne importasse nulla; verso metà di quell’estate quasi per gioco decisi semplicemente di eliminare il “junk food" e mangiare un pò meno, i primi kg se ne andarono abbastanza rapidamente e dato che a quel tempo non capivo nulla di composizione corporea, alimentazione e tutto il resto mi sembrava una cosa ottima e continuai a mangiare sempre meno (anche fino a 800kcal al giorno) per circa 6 mesi alla fine dei quali arrivai a pesare 75kg (non ho foto di quel periodo, immaginate il classico skinny fat, ecco); durante questi 6 mesi nei quali è avvenuta la perdita di peso iniziale ho praticato solo attività aerobica e neanche molta: da lì, a causa della mia forma fisica comunque pessima, decisi di iscrivermi in palestra e googlando qua e là le classiche cose che un novizio si chiede quando si iscrive in palestra per la prima volta mi sono imbattuto in Bodyweb, forum che ho seguito per un pò di tempo (e qualche thread interessante continuo a seguire anche ora ndr) ed ha forgiato le mie piccole conoscenze iniziali (con le quali ho iniziato ad avere qualche risultato), nonchè il mio grande interesse per questi temi (allenamento, alimentazione…), interesse che ho coltivato per anni e continuo a coltivare ogni giorno: studiare e mettere in pratica costantemente hanno portato i risultati delle ultime 3 foto (estate 2016). Ci sarebbero mille cose da dire, ma se dovessi dare un unico consiglio a qualcuno che sta per incamminarsi in un percorso simile al mio gli direi di non cercare la perdita di peso “fine a se stessa” con diete drastiche e dannose come feci io all’inizio (in buona fede, data la mia ignoranza dell’epoca in questi ambiti) ma iniziare immediatamente ad allenarsi con i pesi per migliorare costantemente la composizione corporea e seguire un alimentazione ed un piano di allenamento coerenti con i propri obiettivi, con la propria forma fisica e con tutti gli altri parametri che rendono queste tematiche molto individuali e soggettive.

Andrea Sartor

Prima foto  partendo da alto a sinistra prima di inizare Calenistetico, seconda foto Maggio 2015, 2 anni di calisthenics.. foto in basso a destra, dicembre 2016.
Allenamento sempre in monofrequenza suddivisa in 5 allenamenti settimanali.

 

 

Luca Valotto

Da praticamente anoressico (60/62kg a 79/80kg). Mi chiamo Luca ed ho 17 anni, se qualcuno mi chiedesse cosa mi ha spinto a trasformare il mio fisico? Bhe la risposta é semplice e penso uguale a quella di molti, ho avuto una grande delusione ed ho cercato un qualcosa per scaricarmi, per caso ho iniziato a far pesi in un garage con amici. A poco a poco, quel semplice passatempo e divenuto qualcosa di piú, un vero stile di vita che amo. Le piú grandi difficolta affrontate per via di questa mia scelta, sono state tante, tutte a livello sociale, il fitness in italia é visto tutt'oggi come qualcosa di strano e chi lo pratica tende ad essere deriso, ovviamente son cose che succedono ed oramai non ci faccio piú troppo caso. La palestra mi ha insegnato a dare il giusto peso alle cose e capire che io valgo, cose non da poco nella societá odierna. Ho iniziato poco piú di un anno fa e la strada é ancora molto lunga.

Antonio Del Core

Ho iniziato ad allenarmi ad agosto del 2009 (19 anni) quando ad un peso di 75 kili per 170cm e 100% di massa grassa mi guardai allo specchio e decisi che era ora di cambiare, perchè non mi piacevo proprio più per niente. Ho scoperto il mondo della palestra a settembre dello stesso anno e mi affidai all'istruttore con cui ebbi i primi risultati. Ho iniziato ad allenarmi da autodidatta tra i 22-23 anni facendo uso del mondo del web, ma tutto ciò che leggevo all'epoca era broscience pura. E' dai 24-25 anni in su che ho finalmente trovato un approccio intelligente e graduale per iniziare una vera e propria progressione sia in termini di allenamento che di alimentazione.

Giulio Borgarello

Da quando ho coninciato a dinagrire sono passati 3 anni. Per l'ennesima volta mi sono visto allo specchio e non mi piacevo affatto.. Ho deciso di cambiare e il mio percorso ha avuto molti alti e bassi, soprattutto nel primo anno e mezzo di allenamento. Ora sono carico per tanti altri obiettivi e farò tutto a testa bassa.

Gianmaria Marzola

Nel 2008 ho cominciato il mio percorso in palestra , dopo ben 10 anni di pallacanestro Sono sempre stato un grande appassionato di sport , il lavoro con i pesi pero’ era una novità e ricordo che sin da subito provai piacere in questa nuova attività Partivo con una condizione magra , sia per costituzione ma soprattutto per un precedente conflitto alimentare dove mi ero fissato di mangiare poco per sentirmi piu’ apprezzato … E se a tutto questo subisci pure del bullismo , sia a parole ma soprattutto fisico , ti ritrovi a combattere una battaglia dove l’insicurezza prende il sopravvento La rabbia di non poter far molto riuscivo a convogliarla quando ero palestra e cosi’ affrontavo ogni seduta dando il meglio di me , grinta e tenacia dall’inizio alla fine … Genetica dalla mia parte , forza di volontà che ai primi segnali di fatica , mi spingeva ad andare oltre e a non mollare … I primi risultati non tardarono ad arrivare e il cambiamento oltre che fisico era soprattutto nella mentalità , quella fragilità psicologica era scomparsa e finalmente ero sicuro di me stesso..Mi sentivo realizzato indipendentemente da cio’ che pensavano gli altri , “ora sei troppo grosso , mi piacevi prima” “ma riesci ancora a correre ? “ “non hai un fisico funzionale “ “ prima o poi finirai in ospedale “… la lista di cattiverie gratuite erano la mia benzina , per un fuoco sempre piu’ grande e qui Bruce Lee direbbe ““Non pregare per una vita facile, prega per avere la forza di affrontarne una difficile.” … Ma soprattutto "Il desiderio di cambiamento si basa sul fenomeno dell'insoddisfazione. Ogni volta che vuoi cambiare il tuo ambiente, alla base c'è sempre l'insoddisfazione. “Meglio una vita di tentativi, che una di frustrazione.

Thomas Perrotta

La mia storia comincia da un'infanzia in forte sovrappeso...condizione protratta fino ai 16 anni circa. Nonostante il mio peso son sempre stato un ragazzo che amava lo sport. Ho giocato a calcio e a basket in due squadre locali. Uno dei motivi che mi spinse ad iscriveremi in palestra fu proprio il fatto che a causa del mio peso soffrivo di frequenti tendiniti alle ginocchia. L'altro motivo fu il fatto che non mi piacevo per niente e ne soffrivo sia interiormente che subendo prese in giro e burle a causa del mio peso e della lipomastia che mi accompagnava. In un'occasione ricordo che un perfetto sconosciuto in piscina per farsi figo con la propria ragazza mi mise in ridicolo chiedendomi se avessi dimenticato il reggiseno a casa. Ora ci rido su ma all'epoca tutti quei commenti mi fecero molto male. Ma non mi persi d'animo. Mi iscrissi in palestra e iniziai una dieta "Fai da te" fin troppo ristrettiva. Mi massacravo di allenamento e cardio. Stavo anche 2-3 ore in palestra. Ecco la foto del mio primo cambiamento nel giro di 1 anno. Ero dimagrito di 15 kg passando dai 78 della prima foto ai 63 della seconda. Ero anche cresciuto di 2-3 cm acquisendo l'altezza mia attuale di 183cm. Ero evidentemente al limite dell'anoressia ma la paura di ingrassare non mi permetteva di aumentare serenamente le calorie per metter su della massa muscolare. Nel periodo della maturità ebbi degli alti e bassi e per diversi mesi mi allenai saltuariamente a casa a corpo libero e con dei pesi che mi ero comprato da ragazzino. Fino al punto della svolta. Decisi di impegnarmi sul serio e di iniziare un percorso seguito da un coach. Questa persona mi aiutò nel giro di 2 anni a passare gradualmente a quella che è stata la mia migliore forma. In questo tempo trascorso però non mi son certo accontentato della pappa pronta e la mia voglia di sapere e di conoscenza mi ha spinto a studiare molto per cercare di capire cosa ci fosse dietro ai risultati che ottenevo.  Ora è circa un anno e mezzo che non mi faccio più seguire. Faccio da solo. Studio e sperimento. Sono la cavia di me stesso. Ritengo che un approccio critico e scientifico se supportato anche dall'esperienza pratica sia la migliore combo per ottenere nel tempo la versione migliore di sè stessi. Ma la cosa essenziale è la costanza e la pazienza. Non arriva tutto subito. Ci vogliono anni. Ma bisogna godersi il viaggio. Ad ogni tappa si impara qualcosa di più che ci arricchisce sia come atleta che come persona.

In forma top ero 183cm x 80Kgpoi ho avuto anche di mezzo un infortunio alla spalla ora sto riprendendo la forma.

Davide Hahn

Ho iniziato ad allenarmi a 16 anni da HP-20 (40kgx160cm) Oggi sono circa HP+10 (attorno agli 85kg per 174cm).

 Nel lungo percorso che ho fatto sono stati più gli errori che le cose giuste Nei primi anni pur mettendoci un impegno ossessivo mangiavo e mi allenavo troppo e male.
 Fortunatamente avevo dalla mia lo sviluppo adolescenziale che nel mio caso arrivò piuttosto tardi.
 I miei primi allenamenti erano partoriti dalla mia testa malata: fai tutte le macchine della palestra in 3x10 3 ore di allenamento al giorno
 Poi passai per anni a una multifrequenza 6/7 spinta gambe tirata tutto a cedimento con 30 minuti di cyclette finali. 2 ore e 30 al giorno per 6 giorni
 La svolta la ebbi quando mi feci seguire (circa per due anni)
 Passai a una monofrequenza più in stile BB. Ma soprattutto diedi più peso all'esecuzione degli esercizi
 Attualmente mi seguo da solo e adotto una multifrequenza (escluse le gambe che sono il mio punto forte)
 I progressi più evidenti li ebbi negli anni in cui osai fare una massa sporca.
 Tuttavia il giochino non funziona all'infinito
 L'anno scorso dopo la massa sporca ebbi molta difficoltà a tirarmi e a riattivare il metabolismo
 Se posso dare dei consigli sono questi :
 1) fatevi seguire all'inizio da qualcuno che vi faccia vedere gli esercizi dal vivo. Investite su voi stessi
 2) leggete e studiate. Investite su voi stessi
 3) divertitevi e pensate al percorso non al risultato. Traete profitto dal vostro investimento.

Antonio Milano

3 settembre 2012 – 1 Novembre 2016 Suona quasi come l'inizio di una favola, o di uno di quei libri dove sin dalla prima parola non riesci più a staccarti dalla lettura. Sembrerà strano ma solamente 4 anni fa, esattamente il 3 settembre 2012, iniziai ad intraprendere questo percorso con un pò di coscienza e serietà (dopo aver già "iniziato" da un anno (2011),ma tutto'altro era che un'inizio)..e da allora ne sono successe di cose. Chi mi ha seguito un sa cosa ho combinato, di tutte le mie avventura e di quanto ci ho creduto... Il mio corpo, ma soprattutto la mia testa i VALORI e pensieri sono radicalmente mutati lasciando sempre spazio a opinioni e suggerimenti di altri. Dopo questi 4 anni posso dire una cosa: NULLA E' IMPOSSIBILE. Se ci credi, se credi in te stesso, se ti ci applichi giorno dopo giorno puoi avere ciò che vuoi! Spingiti oltre, ascolta la gente che ti critica e usala come motivazione. Tu puoi essere la motivazione di te stesso... pensaci bene. Ogni singolo giorno di dieta, ogni allenamento, serie, ripetizione... deve essere carburante per la tua motivazione: stai cercando di migliorarti e devi andarne fiero. Eccomi qui dopo poco più di 1500 giorni con 17kg in più.. Ma soprattutto con molta più voglia di migliorarmi dentro e fuori. Da un passatempo,ad una passione,ad una professione... Si continua, nuove tappe già fissate, nuove idee ed obiettivi... come dico sempre... “Siamo solo all'inizio” .. "TEMPO A TEMPO

Francesco Pezone

Ho iniziato a 18anni ad allenarmi dopo aver praticato per anni altri sport ,cio' che mi ha spinto e' stato il voler migliorare il mio corpo e le mie prestazioni fisiche , i primi anni nn ho seguito schemi nutrizionali personalizzati, e visti gli scarsi risultati iniziali mi sono dedicato a pieno a questa disciplina iniziando a seguire diversi piani nutrizionali e allenamenti(principalmente full body ). Voglio ancora migliorare molto e mi impegno ogni giorno per farlo.
 

Maurizio Maione

 
Credo sia stato intorno ai miei 17/18 anni che decisi per la prima volta di addentrarmi nel mondo del ferro.Si, prima ,in una fase adolescenziale e di sviluppo ancora in corso,ero una persona che in passato si era già prestato a degli sport come calcetto, judo, piscina ma in maniera molto blanda e spensierata. Cosi' come sono stati i miei primi anni in palestra:i primi due anni fu un continuo "tira e molla".Poi nel 2011, dopo una totale sedentarietà durata circa dal 2009 al 2011, decisi di voler fare le cose più seriamente;ero stufo di un fisico flaccido e di quei leggeri rotolini da fanciullo...volevo migliorarmi e apprezzarmi!Così ho perseguito quest' attività per ben due anni fatta di pura costanza(si perchè mi allenavo pesante ma senza ragionare, classici allenamenti ignoranti e oltretutto senza una corretta alimentazione ).Fortunatamente dei risultati in maniera seppur lieve li ho avuti.Poi, smesso verso fine la fine del 2013 perchè fui preso da altri motivi che portai al primo posto a scapito della palestra(le donne, che errore! ) ho ripreso verso gli ultimi mesi del 2014...e tutt' ora continuo ad allenarmi. Ho anche appreso qualche concetto in più,che prima non avevo affatto, e già adesso mi alleno dando un senso agli allenamenti e seguendo un alimentazione un pò più oculata. Chiaramente devo apprendere ancora molto sulla mia strada, anche perchè oltre che per puro mio piacere personale, da un paio d' anni ho deciso di voler intraprendere la strada di personal trainer. E' dura ma continuo a stringere i denti perchè è questo ciò che mi piace, è cio che voglio fare e sono convinto che acquisendo ancor più conoscenze del campo potrei ottenere risultati ancora migliori.

Alessio Benenati

Durante l’adolescenza ho sempre avuto una condizione fisica al limite tra il sottopeso e il normopeso e la mia esperienza in palestra è iniziata da una condizione di 183 cm per 62,5 kg (HP-20,5). La motivazione che mi ha spinto ad iniziare questa disciplina era quella di diventare “ la migliore versione di me stesso”, citando Aversano. Nessuna pressione da parte di bulli o ragazze, come invece è accaduto ad altri. La mia fortuna è stata quella di avere un ottima guida, il mio amico Luca, che ha saputo in breve darmi ottimi consigli riguardanti allenamento, alimentazione e biomeccanica.. conoscenze che ha acquisito in anni nei quali si è districato tra miti e realtà delle palestre. Il lavoro che ho svolto fino ad ora riguarda un lasso di tempo relativamente breve, circa 14 mesi, ma molto meticoloso, costante e prioritario rispetto al resto delle attività che compongono la mia quotidianità. Massimo focus. Durante agosto 2016 mi ero recato in India per un mese e ciò mi aveva portato ad una perdita di 5 kg a causa di una gastroenterite, appena tornato mi sono rimesso prontamente all’opera ed ora sono 82kg (HP-1). Il mio obiettivo è quello di progredire fin quando sia possibile naturalmente, attraverso lo studio della fisiologia e delle leggi della fisica.
facebook